FINO AL 24 FEBBRAIO ALL'ELFO - PUCCINI
La donna che sbatteva nelle porte

Sono andata a sbattere contro una porta. E' l'espressione più usata dalle donne  per giustificare, al pronto soccorso, lividi, ferite. Da qui il titolo dello spettacolo che  prende spunto dal romanzo dell'irlandese Roddy Doyle.

 

Fino al 24 febbraio

La donna che sbatteva nelle porte

Di Roddy Doyle

 

Regia: Giorgio Gallione

Interpreti: Marina Massironi

Teatro Elfo Puccini- Corso Buenos Aires 33,Milano-tel 0200660606

Biglietti: 30,50/16

Orario: mar-sab 21; dom 15,30

E’ quello che al pronto soccorso le donne vittime di violenze domestiche raccontano più spesso, per giustificare i lividi: sono caduta, ho sbattuto contro la porta. E accade che i medici talvolta ci credano o facciano finta di crederci. Da qui il titolo dello spettacolo, che riprende quello del libro a cui si ispira, il romanzo dello scrittore irlandese Roddy Doyle:  Marina Massironi presta voce e corpo a Paula, un’infanzia difficile alle spalle e un grande amore – per il marito Charlo– che ben presto si trasforma in un inferno domestico. La vicenda è ambientata a Dublino ma potrebbe svolgersi anche in una qualsiasi delle nostre città. La forma teatrale scelta dal regista Giorgio Gallione è il monologo, che  si sviluppa come un flash back e che racconta come, dopo anni di abusi da parte del marito, Paula trovi  la forza di ribellarsi e di buttarlo fuori dalla propria vita. Una bella prova  per un’attrice che, nota per le apparizioni al fianco di Aldo, Giovanni e Giacomo, si propone per un ruolo drammatico senza però rinunciare alle armi dell’ironia.

12/02/2013
Daniela Bianchi
Twitter Facebook