CISL - XVIII CONGRESSO
Innovazione, fuori e dentro il sindacato

Il nuovo Dipartimento della Cisl milanese: un'esperienza da estendere anche agli altri territori.

"Vorrei fare il punto su quello che  già siamo, per comunicarlo meglio all’esterno, per condividerlo tra noi" . Lo ha detto Benedetta Cosmi, responsabile dipartimento Innovazione di Cisl Milano Metropoli intervenendo, nel pomeriggio di giovedì 29, al XVIII congresso della Cisl.

"Ieri il Papa ha parlato di innovazione, lui che ne é il simbolo. Noi da due anni abbiamo un dipartimento, questa una delle parole che viene utilizzata dal sindacato, la parte importante, appunto, dipartimento innovazione. Le sue parole le trovo coerenti con la nostra attività per i giovani: "La Cisl e il sindacato vive le sue grandi stagioni quando è profezia ed innovazione".  Mi piacerebbe pensare che possa nascere in ognuno dei territori, è partito da Milano ma possa essere un modo per lavorare, per cambiarci. Ecco. Arriviamo alla relazione della segretaria generale Annamaria Furlan. E al lavoro già anima la nostra attività quotidiana. Quando pensiamo alle scuole, ai ragazzi, agli universitari perché dobbiamo ricordarci la passione che ci ha avvicinato alla Cisl quando ancora studiavamo, quando eravamo ai nostri primi momenti di lavoro e questa occasione la dobbiamo dare a tutti perché come diceva la  segretaria generale Anna Maria Furlan  l’invito è appunto entrare nella Cisl per cambiarla. Dobbiamo pensare a restituire la "scuola", ai lavoratori entrati troppo presto nel mondo del lavoro, in quell'altra epoca del mercato del lavoro, oggi abbiamo ricordato Don Milani; così come esserci già per gli universitari di oggi, quelli più esposti al precariato. Come suggerisce il titolo del congresso, "per la persona", quindi, prima che arrivi nel luogo di lavoro. Penso a modelli del nord europa.  Perché "se non fai parte della soluzione fai parte del problema". 

29/06/2017
Twitter Facebook