VERTENZA
Canali veste uomo licenzia donna: una petizione su change.org contro la chiusura del sito di Carate Brianza

134 i posti a rischio, 130 sono donne. Nonostante  8,5 milioni di utili nel 2016 l'azienda chiude. Nulla deve essere lasciato intentato per difendere i posti di lavoro.

Contro la chiusura della Canali di Carate Brianza sindacati e lavoratori lanciano una petizione diretta all'aziemda e al ministero dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, su Change.org: “Canali veste uomo licenzia donna”. 

“Abbiamo deciso di utilizzare tutti i mezzi a disposizione per sostenere le lavoratrici Canali, nota azienda del settore moda uomo che non rispettando impegni presi e nonostante 8,5 milioni di utile netto netto nel 2016, così come negli anni precedenti, ha deciso di chiudere il sito di Carate Brianza licenziando 134 lavoratori di cui 130 donne”, spiega Massimo Ferni, della Fmeca Cisl Monza Brianza Lecco. “Chiediamo a tutti di sostenere la nostra campagna on line – aggiunge - per convincere l’azienda al sedersi ad un tavolo per fermare i licenziamenti. Nulla deve essere lasciato intentato per difendere i posti di lavoro di queste persone”.

Di seguito il testo della petizione. Per firmala è sufficiente andare su https://www.change.org/p/canali-veste-uomo-licenzia-donna.

Canali veste uomo licenzia donna
Le 134 lavoratrici Canali, leader nel settore moda uomo, della divisione Eraclon di Carate Brianza, nonostante anni di assiduo lavoro in una azienda che nel 2016 ha fatto 8,5 milioni di utile netto saranno licenziate a fine anno. La direzione nega ogni disponibilità ad una trattativa per fermare i licenziamenti, nonostante l’intervento delle più alte cariche istituzionali .Chiediamo a tutti di sostenere le lavoratrici che nei lunghi anni di lavoro, hanno anche sviluppato malattie professionali riconosciute ed oggi vengono licenziate. Di NO anche tu, chiediamo all’azienda di modificare la sua decisione! Grazie
 

29/11/2017
Twitter Facebook