INCHIESTA/EUROPA
Diritti: un'isola felice ma non troppo

L’Italia è messa bene, con Scandinavia, Francia e Germania. Ma nella mappa fatta dalla confederazione sindacale internazionale sui diritti dei lavoratori a livello globale ci sono delle sorprese che mettono paura. I diritti collettivi sono negati in Paesi ormai considerati oltre la “via dello sviluppo” come centro Africa e il Brasile. E per alcuni capitoli, come sicurezza e diritti universali, ci sono bocciature per l’Australia e, ancora peggio, Stati Uniti e Gran Bretagna. Questo rende l’Europa il miglior continente in questa classifica, ma ancora lontano dall’armonizzazione dei diritti e delle equità. La media l’abbassa proprio il Regno Unito e gli Stati balcanici.

 

04/06/2018
Twitter Facebook