MOBILITAZIONE
Sfratti: lunedì 9 luglio presidio dei sindacati inquilini 

Dalle ore 16, davanti a Palazzo Marino. I sindacati chiederanno di essere ricevuti dall’Amministrazione comunale milanese.

Lunedì 9 luglio, dalle ore 16, le organizzazioni sindacali degli inquilini, insieme ai cittadini milanesi, terranno un presidio in piazza della Scala,1  davanti a Palazzo Marino, per chiedere l’apertura di un confronto serio su un tema di grande rilevanza per la città di Milano, ovvero la gestione dell’emergenza abitativa e, in particolare, dell’emergenza sfratti e la capacità da parte delle istituzioni di dare una tempestiva ed efficace risposta. 

Le organizzazioni sindacali degli inquilini hanno predisposto una piattaforma unitaria, documento in cui vengono delineate analisi e proposte, con l’obiettivo di avviare un proficuo e costruttivo confronto con l’Amministrazione comunale. Per questo motivo, hanno chiesto che una delegazione venga ricevuta nella giornata del presidio. E hanno chiesto la convocazione di un Consiglio comunale straordinario sul tema della casa e delle politiche abitative. 

E’ necessario sostenere le tante famiglie che vivono il dramma della perdita dell’alloggio, garantendo il passaggio da casa a casa, offrendo soluzioni alternative. E per questo non solo Comune, ma anche Regione e Governo, con uno sforzo sinergico e condiviso devono mettere in campo azioni per dare risposte al crescente disagio.

In particolare, i sindacati inquilini chiedono:

-    che il Comune di Milano chieda con forza a Regione Lombardia la sospensione dell’applicazione della Legge 16/2016 in attesa che venga radicalmente modificato il sistema regionale di presentazione delle domande, vista la disponibilità mostrata dall’assessore regionale alla Casa ad apportare modifiche.
-    L’indizione di un nuovo bando per l'assegnazione di alloggi ERP in base al R.R. n.1/2014.
-    L’esame di tutte le richieste cosiddette di emergenza presentate ai sensi dell'art. 14 e art. 15/R.R.1/2004 e art. 34 comma 8 L.R 27/2009 tutt’ora rimaste senza risposta.
-    La valutazione delle domande prima dell’esecuzione degli sfratti.
-    L’immediata sospensione di tutte le forme di sottrazione di patrimonio ERP.
-    L’applicazione del Protocollo siglato con la Prefettura per la graduazione dell’esecuzione degli sfratti e la sua estensione ai pignoramenti immobiliari della prima casa  
-    Una gestione efficace, economica e soprattutto trasparente delle proposte di assegnazione di natura temporanea per le famiglie in condizioni di grave emergenza.


SICET - SUNIA - UNIAT - UNIONE INQUILINI - CONIA

06/07/2018
Twitter Facebook