LE GUIDE DI JOB
Guida pratica (per donne e uomini) alla violenza di genere

I segnali di allarme a cui dare attenzione, le storie di chi è stata molestata, le informazioni e i numeri di telefono: un vademecun pratico e di facile consultazione messo a punto dal Coordinamento donne di Cisl Milano Metropoli in occasione del 25 novembre.

Non passa giorno che, con più o meno rilevanza, i media riportino notizie di violenza nei confronti delle donne, perlopiù in ambiente familiare ma anche nei luoghi di lavoro. Dal nostro osservatorio particolare possiamo senza dubbio confermare che il fenomeno è in crescita, diffuso e capillare, anche se le denunce sono sempre meno, fosse solo per paura di perdere il posto.

Dunque, il contrasto alla violenza di genere, oltre ad essere un grande tema di civiltà e di giustizia, è anche un tema specificatamente sindacale perché coinvolge i diritti e le tutele delle donne-lavoratrici. La Cisl, in particolare quella milanese, è da sempre in prima linea su questo fronte: nei luoghi di lavoro, attraverso un’opera costante di sensibilizzazione e attraverso specifici servizi come gli sportelli Donne e famiglia e Disagio lavorativo/mobbing.  Senza dimenticare gli accordi, come ad esempio quello con Assolombarda, e le norme inserite nei contratti per contrastare efficacemente le molestie contro le donne. Importante anche il rapporto, sempre più stretto, con il mondo dell’associazionismo che opera in questo ambito, come ad esempio il sostegno all’associazione culturale “Greco in movimento” che realizza progetti con le detenute della casa circondariale di San Vittore. La Cisl ha sostenuto il progetto, in coerenza con il proprio impegno nel contrasto alla violenza contro le donne.

La “Guida” messa a punto dal Coordinamento donne è un ulteriore contributo per andare oltre la denuncia e creare gli anticorpi culturali e sociali per contrastare questo odioso fenomeno. Storie, informazioni utili, gli indirizzi dei centri antiviolenza tradotti in 10 lingue (oltre all’italiano) perché la violenza non ha confini e per raggiungere il maggior numero di donne.  Uno strumento, facile e pratico, per dare risposte concrete alle denunce e alle richieste d’aiuto.

Carlo Gerla – segretario generale Cisl Milano Metropoli

 

La ricorrenza del 25 novembre, come tutte queste ricorrenze, rischia di diventare una data sul calendario mentre la vita scorre per i fatti suoi.La guida presentata dal Coordinamento donne della Cisl di Milano Metropoli si scosta da una semplice celebrazione riportando all'attenzione piccoli esempi, diversi atteggiamenti che possono passare per innocui o per cose di poca importanza ma che alla lunga generano quel clima che spesso degenera in violenza. Per violenza non si intende certamente solo quella fisica che tanto ancora scandalizza e ci fa sussultare quando ci arrivano certe notizie. Ma c'è una violenza più sottile e meno identificabile, fatta di piccoli gesti, piccole esclusioni, discriminazioni che, nel tempo e sommati alla fatica di vivere possono fare comunque molti danni.

Questa guida è uno strumento  importante perché dopo una breve descrizione di questi atteggiamenti passa al racconto di quattro casi esemplificativi. La ricorrenza, la guida, gli interventi sindacali o della società civile sono tutti utili e necessari ma non dobbiamo dimenticare che la violenza si combatte costruendo luoghi, e rapporti umanamente capaci di accogliere, di educare, di condividere. La violenza e la discriminazione, qualunque essa sia e qualunque colore abbia la si sconfigge solo insieme e partendo dal riconoscere il valore di ogni uomo e di ogni donna. L’ augurio è che anche il lavoro del Coordinamento donne sia per costruire questi luoghi di condivisione, accoglienza e valorizzazione per tutti.

 

Alessandra Poma – responsabile Coordinamento donne Cisl Milano Metropoli

22/11/2018
ALLEGATO SFOGLIABILE
guida violenza donne
Twitter Facebook