GIORNATA DELLA MEMORIA
Géza Kertész, l'allenatore di calcio che si oppose ai nazisti

Niente è stato vano: la storia dello sportivo ungherese che pagò con la vita l'impegno per salvare gli ebrei. In Italia allenò Catania, Atalanta, Lazio e Roma.

La normalità del bene. Si potrebbe definirla così la storia di Geza Kertesz, allenatore di calcio ungherese, di club come Catania, Atalanta, Lazio e Roma, che pagò con la vita l’opposizione al nazismo e l’impegno per salvare gli ebrei dall’Olocausto. Una storia poco conosciuta che il giornalista Claudio Colombo ha raccontato nel libro “Niente è stato vano”, edito da Meravigli.

Guarda il video su You Tube

Geza Kertesz fu arrestato nel dicembre 1944, grazie ad una spia che rivelò alla Gestapo che nascondeva un ebreo in casa. Venne fucilato il 6 febbraio 1945. Oggi riposa nel cimitero degli eroi di Budapest.  

 

25/01/2019
Mauro Cereda - mauro.cereda@cisl.it
Twitter Facebook